Scopri le #terredelprimitivo

WP_20170615_09_14_11_Pro-1
 

Armati di reflex, smartphone, penne e tanta curiosità un gruppo di blogger e giornalisti si sono incontrati lo scorso giugno in Salento: e così è inizato il nostro blog tour alla scoperta di una delle terre più belle d’Italia.

Sole ,mare, cultura, buona cucina e cordialità sono stati gli ingredienti di questo viaggio voluto ed organizzato da Confguide Brindisi Taranto, che ringrazio vivamente per avermi ospitata nella loro regione.

Ed oggi voglio portarvi con me alla scoperta degli angoli del Salento, più precisamente della provincia di Manduria consigliandovi alcuni dei luoghi che ho amato maggiormente.

Sun, sea, culture, good food and friendliness have been the ingredients of my blog tour in Apulia wanted and organized by Confguide Brindisi Taranto, which I thank very much for hosting me in their region.
And today I want to take you with me to discover the corners of Salento, more precisely in the province of Manduria, advising some of the places I loved most.

Il tour è iniziato con la gradita sosta presso ilconsorzio Produttori Vini Manduria, che vi consiglio caldamente di visitare prenotando uno dei lori tour di degustazione. La storia del consorzio inizia nel 1928, quando un gruppo di vignaioli, destinati nel corso degli anni a divenire pi9ù di 200, si uniscono per dare lustro e fama ad uno dei tesori del Salento: il vino chiamato Primitivo di Manduria. E difatti oggi la cantina vanta una vasta selezione di vini che spaziamo dal Primitivo base, riserva e dolce ai rosati, bianchi e spumanti che ho avuto l’onore di assaggiare innamorandomi del Madrigale, Primitivo di Manduria DOGC dolce naturale. Accanto ai vini, uil consorzio è diventato famoso nel territoruio per aver creato ed ospitato un vero e proprio museo della storia di Manduria, di cui noi siamo stati sorpresi ed attenti visitatori. Ma tornerò presto a parlarvi del consorzio Produttori Vini di Manduria in un post dedicato.

The tour started with the welcome stop at the consortium Manduria Wine Producers, which I strongly recommend to visit by booking one of the tasting tours. The history of the consortium begins in 1928, when a group of vineyards, destined over the years to become more than 200, join in to give luster and fame to one of the treasures of Salento: the wine called Primitivo di Manduria. And nowadays, the cellar boasts a wide selection of wines from the Primitivo base, reserved and sweet to the rosé, white and sparkling wines that I had the honor to taste. Along with the wines, the consortium has become famous in the territory for having created and hosted a true museum of the history of Manduria, which we were surprised and attentive visitors. But I will come back soon to speak to you about the consortium Producers Wines of Manduria in a dedicated post.

PicsArt_07-10-06.09.30

La sera poi siamo ospiti dello splendido resort Vinilia, antica dimora degli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavone. Oggi è divenuta un wine resort di lusso grazie all’attento restauro della sua torre dominante e i quattro torrini laterali e all’utilizzo di arredamenti vintage e pop, pezzi di design, suppellettili risalenti agli ’50 e ’60.  Qui abbiamo potuto godere della pace del verde circostante e della meravigliosa vista notturna, oltre che di una deliziosa cena che univa la tradizione pugliese all’innovazione culinaria.

In the evening we were the guests of the splendid Vinilia resort, an ancient residence of the early ’900 when it was destined to be the summer residence of the noble Schiavone family. Today it has become a luxury wine resort thanks to the careful restoration of its dominant tower and the four side towers and to the use of vintage and pop furnishings, pieces of design, furnishings dating back to the 1950s and 1960s. Here we were able to enjoy the peace of the surrounding green and the wonderful nightlife, as well as a delicious dinner that united the Apulian tradition to the culinary innovation.

PicsArt_07-10-06.16.49

Il secondo giorno del tour è stato senza dubbio il più lungo ed intenso, ma anche il più suggestivo alla scoperta di meraviglie nascoste di questa terra. Prima tappa al mare nella riserva delle Saline dei Monaci dove abbiamo potuto godere della vista di quello che viene chiamato il mare dei “sette colori”, le sue dune, la sua sabbia bianca e il verde intorno a fare da contorno a questo meraviglioso quadro naturale. A pochi passi dalla riserva, si trova la Torre Colimena, che fa parte di un sistema difensivo di torri costiere volute dall’imperatore Carlo V, di Spagna, dopo l’invasione di Otranto da parte dei Turchi nel 1480, per difendere la penisola del Salento dalle loro frequenti incursioni, accompagnati nella scoperta di questi luoghi dalla bravissima guida Angela Greco.

The second day of the tour was undoubtedly the longest and most intense, but also the most fascinating to discover the hidden wonders of this land. First stop to the sea in the salt pans of the Monks where we could enjoy the view of what the “seven colors sea is called”, its dunes, its white sand and the green around. A few steps away from the reserve, there is the Torre Colimena, which is part of a defensive system of coastal towers, commissioned by Emperor Carlo V of Spain, after the Turks invaded Otranto in 1480 to defend the peninsula of Salento from their frequent incursions.

PicsArt_07-10-06.05.50

Seconda tappa del giorno presso un tipico vigneto di Primitivo, appartenente alla cantina Vigne Monache, dove abbiamio avuto il piacere di assaporare i loro pregiati vini DOC e DOCG tra risate e coinvolgente ospitalità dei padroni di casa.

The second stage of the day is a typical vineyard of Primitivo, belonging to the Vigne Monache cellar, where we tasted their precious DOC and DOCG wines engaging hospitality of the hosts.

PicsArt_07-10-06.14.26

Ad ora di pranzo un meritato relax presso l’imponente Masseria Potenti, antica masseria di 130 ettari riportata al suo splendore dalla signora Grazia di Lauro e suo marito Paolo, con l’aiuto della figlia Chiara che è stata il nostro gentile e dolce “Cicerone” a condurci tra la bellezza e la maestosità del suo resort immersi in un’atmosfera da “Le Mille e una Notte”. La tradizione culinaria salentina è ben presenta nella cucina di Masseria Potenti, che ogni giorno offre ai suoi ospiti un diverso menù con  piatti tipici e familiari ed ingredienti freschi e stagionali, come quelli di cui noi siamo stati contenti degustatori.

At lunch time, a well-deserved relaxation at the impressive Masseria Potenti, an old 130 hectare farmhouse brought to its splendor by Lady Grazia Di Lauro and her husband Paolo, with the help of her daughter Chiara who was our gentle and sweet “Cicero” to lead us through the beauty and majesty of the resort immersed in the atmosphere of” The Thousand and One Nights “. The Salento’s culinary tradition is well presented in Masseria Potenti’s cuisine, which each day offers its guests a different menu with typical and familiar dishes and fresh and seasonal ingredients such as those we enjoyed tastings.

PicsArt_07-10-06.10.44 PicsArt_07-10-06.13.34

Nel pomeriggio visita ad Oria, che secondo la tradizione sarebbe stata fondata da un gruppo di Cretesi naufragati sulle coste salentine. Da visitare il Ghetto Ebraico, Palazzo Vescovile, Palazzo Martini sede del Museo Archeologico, la Cattedrale, sede odierna della Confraternita della Morte e della Cripta delle Mummie, appartenenti ad alcuni confratelli e di forte impatto emotivo.

In the afternoon visit to Oria, which according to tradition would have been founded by a group of Cretans wrecked on the Salento coast. To visit the Jewish Ghetto, Bishop’s Palace, Martini Palace, home to the Archaeological Museum, the Cathedral, today’s Brotherhood of Death and the Crypt of the Mummies, belonging to some confreres and with a strong emotional impact.

PicsArt_07-10-06.18.52

La serata invece si è svolta a Grottaglie, città pugliese nota per la lavorazione delle ceramiche, e più precisamente presso Casa Vestita, dimora del famoso maestro ceramista Cosimo Vestita che custodisce al suo interno un imponente giardino ottocetensco con colonnato antico e fichi d’India secolari, una chiesa medievale rupestre con resti Templari e un vero e proprio museo della ceramica con resti rinvenuti negli scavi della stessa abitazione.

The evening, however, took place in Grottaglie, Apulian city known for ceramic processing, and more precisely at Casa Vestita, home of the famous ceramic master Cosimo Vestita, which hold on it an impressive eighteenth-century garden with ancient colonnades and secular figs , A medieval rock church with Templar remains and a real ceramic museum with remains found during the excavations of the house.

PicsArt_07-10-06.20.02 PicsArt_07-10-06.21.40

Il terzo giorno del tour è iniziato con la visita della città di Francavilla Fontana prima presso la Basilica Pontificia del Santissimo Rosario con la cupola più alta del Salento, la Chiesa di Santa Chiara con il Convento delle Clarisse, Palazzo Imperiale fortificazione militare risalente al 1400, la bottega del famoso “confetto riccio” della famiglia Passiante e la bottega della lavorazione della cartapesta del maestro Pietro Balsamo e i suoi capolavori senza tempo tra Madonne, Bambinelli, Puttini e Natività.

The third day of the tour began with the visit of the city of Francavilla Fontana starting with the Pontifical Basilica of Santissimo Rosario with the highest dome of Salento, the Church of Santa Chiara with the Convent of the Clarisse, Imperial Palace military fortification dating back to 1400, the shop of the famous “confetto riccio” of the Passiante family and the shop of the paperwork master Pietro Balsamo and his timeless masterpieces.

PicsArt_07-10-06.23.37 PicsArt_07-10-06.25.35

Pranzo di nuovo a Manduria presso il Ristorante Al Castello, con un menù tipico salentino tra formaggi locali, vino, freselle, riso patate e cozze, fritto di pesce e tanta allegria. Nel pomeriggio visita del centro storico di Manduria tra la Chiesa Madre con un live di lavori di restauro, Palazzo Corcioli, Palazzo Imperiali e Parco Archeologico delle Mura Messapiche.

Lunch back to Manduria at Al Castello Restaurant, with a typical Salento menu including local cheeses, wine, freselle, rice, potato and mussels, fish fried and so much fun. In the afternoon visit the old town of Manduria from the Mother Church with a live restoration work, to Palazzo Corcioli, Imperial Palace and Archaeological Park of the Messapiche Walls.

PicsArt_07-11-06.24.52

PicsArt_07-10-06.26.37

Un pieno di emozioni, panorami mozzafiato, ottimo cibo, sole, mare e tanta ospitalità in un Salento tutto da scoprire!

A full of emotions, breathtaking views, great food, sun, sea and so much hospitality in a Salento to discover!

 

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>